20 novembre 2017
Aggiornato 04:30
Droga

Marijuana nel sottotetto e contanti nei barattoli, arrestata un’impiegata di 45 anni a Vico

La donna è stata arrestata per coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti. I militari dell’arma hanno rinvenuto nella sua cascina centinaia di grammi di marijuana

La marijuana sequestrata (© Carabinieri)

IVREA - Ancora un arresto per coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti nel Canavese e in particolare in Valchiusella, dove i carabinieri di Vico Canavese hanno rinvenuto altri 14 chili di marijuana all’interno di un’abitazione. Nel prosieguo dell’attività di contrasto alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti disposta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Torino che ha portato nei giorni scorsi ad altri due arresti in flagranza in Canavese e al sequestro di 29 piante di cannabis e 5kg circa di marijuana, i militari hanno bussato alla porta di un’impiegata di 45 anni, incensurata, e a seguito di perquisizione domiciliare hanno rinvenuto nella sua abitazione 330 grammi di infiorescenze di marijuana suddivisa in due sacchetti, 13 chili di rami e foglie di marijuana messi ad essiccare in un sottotetto, 584 grammi di foglie e rami di marijuana e altri 35 grammi di infiorescenza, rami e foglie della stessa sostanza stupefacente. Nella cascina vicino all’abitazione i carabinieri hanno rinvenuto altri 119 grammi di infiorescenze miste a rami e foglie di marijuana. In casa la 45enne custodiva, in cucina, all’interno di alcuni barattoli, la somma complessiva di 9.500 euro, ritenuta verosimile provento dell’illecita attività di smercio della marijuana. Vicino alla cascina i carabinieri hanno rinvenuto anche una serra adibita alla coltivazione della marijuana, con ancora presenti tracce della coltivazione e della successiva raccolta. La donna è stata dichiarata in arresto e, su disposizione della Procura di Ivrea, è stata sottoposta agli arresti domiciliari. Il Gip di Ivrea, che ha convalidato l’arresto, ha disposto nei confronti della donna la misura cautelare dell’obbligo di presentazione quotidiano ai Carabinieri.