23 ottobre 2017
Aggiornato 02:30
Meugliano

Piante di marijuana alte tre metri nascoste nel bosco, arrestato operaio a Vico Canavese

A scoprire le piantagioni nel bosco di Meugliano sono stati i Carabinieri dopo ore di appostamenti. L’operaio, incensurato, aveva altra droga, soldi e attrezzi per il confezionamento in casa.

Le piantine sequestrate (© Carabinieri)

VICO CANAVESE - Un operaio di 43 anni di Vico Canavese è stato arrestato dai carabinieri locali per coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti dopo che gli stessi militari, con diversi appostamenti, avevano scoperto tra i boschi di Meugliano una piantagione di canapa indica. Era il quarantatreenne a prendersi cura delle 29 piante alte tra il metro e 20 centimetri e i tre metri nascoste tra la fitta vegetazione dei boschi.

DROGA SEQUESTRATA - La successiva perquisizione domiciliare ha consentito ai carabinieri di rinvenire e sequestrare altri 3,9 chilogrammi di infiorescenze e foglie di marijuana nonché la somma di 3.130 euro in contanti ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio, una macchina per sottovuoto e 94 vasetti in plastica con residui di terriccio con annotazioni riconducibili al tipo di pianta coltivata. La sostanza stupefacente, il materiale per il confezionamento ed il denaro sono stati sottoposti a sequestro.

ARRESTI DOMICILIARI - Dopo l’arresto da parte dei carabinieri con l’accusa di coltivazione e detenzione illegale di sostanze stupefacenti, il pubblico ministero ha ordinato gli arresti domiciliari. Il gip infine ha convalidato il provvedimento.