20 novembre 2017
Aggiornato 04:30
Musica

A Settimo Vittone il concerto dell'orchestra «InCrescenDO»

Si chiama «Che cosss’è l’amor!» la serata dedicata ad esplorare le mille sfaccettature dell'amore attraverso la musica organizzata dalla Croce Rossa di Settimo Vittone e dall’Orchestra Giovanile di Fiati

Settimo Vittone, in concerto l'orchestra «InCrescenDO» (© Orchestra Giovanile di Fiati «InCrescenDO»)

SETTIMO VITTONE - Giovedì 14 settembre alle 18 si terrà il Concerto «Che cosss’è l’amor!» l’evento, che prende il titolo da una citazione di Vinicio Capossela, è organizzato dalla Croce Rossa di Settimo Vittone e dall’Orchestra Giovanile di Fiati «InCrescenDO» che si esibirà per la Raccolta di fondi da destinare alle attività svolte dalla stessa Croce Rossa, presso l’Area sportiva La Turna in Frazione Montestrutto. «L’amore della mamma, l’amore del papà, l’amore della sorella, del fratello, dello zio, della zia, del fidanzato, della fidanzata, dell’amico. L’Amore in tutte le sue sfaccettature, senza barriere, senza giudizi e senza paure. Quanti significati ha l’amore? Quanti volti ha l’amore? Il colpo di fulmine, il corteggiamento, l’insicurezza, la paura, la gelosia, il tradimento, la passione travolgente, l’insicurezza» è di questi sentimenti che narra il nuovo programma dell’Orchestra InCrescenDo. Delle Cese, Bourgeois, Mascagni, Marquez e Debussy. Un’intera passeggiata, o forse sarebbe meglio dire scalata, tra tematiche che, quando si parla d’amore, rimangono sempre attuali. «Siamo giovani, siamo curiosi, affamati, bramosi ed innamorati. Siamo amanti, fidanzati, fidanzate, mogli e mariti. Siamo stati lasciati, ripresi, scaricati e traditi. Siamo un tripudio di energia che alle volte si fatica a gestire, ma quando canalizzata è in grado di portare a grandi risultati. Siamo noi. Siamo InCrescenDo. E questa volta ci faremo ambasciatori di questo grande ideale che è l’amore e in una cornice così fiabesca come quella della Turna cercheremo di raccontare questi sentimenti che tutti conosciamo ma che molto spesso non sappiamo descrivere. Come per tutte le cose, la musica ci pone la soluzione, bisogna solo saperla ascoltare. Che poi, alla fine: 'Che Cosss’è l’amor?'».