21 ottobre 2017
Aggiornato 03:00
Cronaca

Coppia con figli rapina tre supermercati: in manette la famiglia di ladri

Madre e padre entravano nei supermercati e rubavano quanto riuscivano a portare via anche grazie all’aiuto prezioso dei figli, un minore e una maggiorenne. La ragazza di 18 anni è stata denunciata

Arrestati madre e padre, denunciata la figlia maggiorenne (© Polizia)

IVREA - Agivano tutti insieme, forse grazie all’intesa molto forte dovuta a un legame molto stretto, quello famigliare: è finita con le manette ai polsi la serie di colpi messa in atto da una coppia di ladri capace di rapinare tre supermercati in 40 minuti anche grazie all’aiuto di due figli. Gli agenti del Commissariato di Ivrea e Banchette li seguivano da diverso tempo, anche grazie alle segnalazioni arrivate dai cittadini.

LE RAPINE - Nel tardo pomeriggio di venerdì, poco dopo le 19, il personale del Commissariato ha visto arrivare nel parcheggio di un supermercato di via della Torretta a Banchette una Renault Scenic dalla quale è scesa una coppia e una giovane. Hanno fatto ingresso nel supermercato per uscirne poco dopo, l’uomo e la ragazza con pesanti borse. Una volta in auto, la famiglia è ripartita in direzione di Ivrea dove si è  recata presso un supermercato di corso Vercelli, non prima però, di aver recuperato per strada il figlio quattordicenne della coppia. Tutti e quattro sono entrati nel supermercato dove la donna, una dominicana di 45 anni, ha occultato in una borsa pezzi di parmigiano confezionato per poi uscire in compagnia della figlia, mentre l’uomo in compagnia del figlio minore transitava regolarmente per le casse. Allontanatosi, il gruppo si è recato presso un terzo supermercato, sempre a Ivrea, questa volta in via Baltea, dove hanno fatto ingresso solo padre e figlio. Anche in questo caso l’uomo è uscito con una borsa a spalla. Una volta saliti in auto, però, gli agenti del Commissariato hanno fermato il gruppo. Nell’auto gli agenti hanno ritrovato diverse borse con all’interno numerosi pezzi di formaggio con le etichette rimosse o manomesse. Prodotti riconducibili ai tre supermercati visitati dalla famiglia.

GLI ARRESTI - Complessivamente, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato oltre 40 tranci di formaggio sottovuoto, per un valore di circa 500 euro, confezioni che presentavano, in molti casi, le etichette manomesse per renderle inerti e favorirne il passaggio attraverso le barriere antitaccheggio. Alla luce dei fatti, la coppia è stata arrestata per furto aggravato continuato in concorso, per la figlia diciottenne, invece, è scattata la denuncia a piede libero.