23 ottobre 2017
Aggiornato 02:00
Natura e cultura

Candia, appuntamento naturalistico con il tramonto sul lago

Sabato 15 e 29 luglio alle 20 partendo dal ristorante Lido Molo 34 si navigherà sulle placide acque del lago di Candia sbirciando uno spicchio della vita del lago e dei suoi abitanti al crepuscolo. Ecco come partecipare

appuntamento naturalistico con il tramonto sul lago di Candia (© michele picardo - shutterstock.com)

CANDIA - Un'occasione speciale per ammirare il tramonto sul lago. Tra gli appuntamenti che fanno parte del ciclo di eventi organizzato dall’Associazione Vivere i Parchi, il tramonto sul lago è un’esperienza da non lasciarsi sfuggire. Sabato 15 e 29 luglio alle 20 partendo dal ristorante Lido Molo 34 si navigherà sulle placide acque del lago di Candia sbirciando uno spicchio della vita del lago e dei suoi abitanti al crepuscolo. Un'esperienza unica per tutte le età, alla scoperta della segreta vita del lago. Prenotazione obbligatoria a: vivereiparchi@gmail.com oppure al numero: 345-7796413. Il Lago di Candia è tra le più importanti zone umide del Piemonte perché ospita numerosi uccelli acquatici e una ricca flora idrofila, fra cui alcune specie ormai rare: ciò ha consentito di inserire il Parco nella lista dei biotopi della Regione Piemonte e di classificarlo, ai sensi della direttiva Habitat dell'Unione Europea, come Sito di Importanza Comunitaria; inoltre sono state attivate le procedure per l'inserimento del Lago di Candia nella lista delle aree umide protette ai sensi della Convenzione di Ramsar.

Il parco
Oggi il Parco del Lago di Candia ha finalmente i mezzi finanziari ed organizzativi e gli strumenti esecutivi per poter essere operativo. Gli sforzi degli anni passati hanno consentito di aumentare le possibilità di fruizione dell'area, secondo i principi di salvaguardia dell'ambiente naturale e di eco - compatibilità che sono alla base dell'istituzione del Parco. All'ampia area attrezzata, dotata di parcheggio per le auto, posta in località Lido, è stato affiancato il nuovo Centro Visite, inaugurato il 25 maggio 2002, in occasione della Giornata Europea dei Parchi, e la nuova sede operativa del Parco, presso la Società Canottieri.
Nuovi sentieri natura e nuove piste ciclabili sono state realizzate. Una seconda stazione di inanellamento è stata realizzata lungo il sentiero che parte del Centro Visite e costeggia la Palude. Il nuovo impianto è costituito da 20 reti per un totale di 240 metri lineari, suddivise in 3 stazioni di cui una all'interno della Palude. L'attività di osservazione e inanellamento è agevolata dalla presenza di due capanni di lavoro sistemati lungo il percorso. La vicinanza del Centro Visite, inoltre, consente di realizzare una vera e propria stazione didattica dove i ragazzi in visita al Parco possono facilmente prendere parte alle attività di ricerca degli ornitologi.
Le visite guidate possono poi concludersi con un piacevole giro in barca da cui ammirare il lago da una diversa prospettiva: l'imbarcazione a motore può ospitare fino a 18 persone ed è attrezzata per l'accoglienza dei disabili.
Inoltre, il progetto LIFE, ha consentito di realizzare nuovi sentieri che tagliano la palude in senso trasversale, consentendone una visita più agevole, ed ulteriori zone allagate che piano piano vengono colonizzate da fauna e flora acquatiche, portando alla creazione di nuovi ecosistemi umidi.
Nei prossimi mesi sarà realizzata una passerella sospesa che, attraversando la palude, consentirà ai visitatori di conoscere un habitat spesso trascurato e di godere di una bella visuale sul lago.
Per quanto riguarda le attività promozionali per la diffusione della conoscenza del Parco e degli ecosistemi che ospita, l'Ente di Gestione partecipa attivamente a manifestazioni fieristiche, organizza convegni e seminari di studio, provvede alla realizzazione di materiale divulgativo e scientifico quali cartine, opuscoli informativi, articoli e pubblicazioni di argomento tecnico - naturalistico, nonché gadgets quali cappellini con il logo del parco e magliette raffigurante elementi caratteristici della natura del Parco (tinca, rospo, airone rosso e ninfea).