17 agosto 2017
Aggiornato 05:30
Cultura

A Romano Canavese l'«Ortensia Day»

Domenica 9 luglio dalle 9.30 una giornata dedicata a «L’affascinante mondo delle ortensie» un corso per chi ama i fiori e la botanica ma anche un modo per scoprire il borgo storico e i suoi segreti

l'«Ortensia Day» a Romano Canavese (© Debu55y - shutterstock.com)

ROMANO CANAVESE - Il paese si trasforma per un giorno nella sede dell’Ortensia Day. Domenica 9 luglio, dalle 9.30, sarà all’insegna della delicatezza e del buongusto: l’agronoma danese Anne Harder organizza un corso teorico-pratico dal titolo «L’affascinante mondo delle ortensie». Eva Boasso Ormezzano, tra le più grandi esperte di ortensie d’Italia ed autrice dei libri «Ortensie e idrangee» e «Le mie Ortensie», ci guiderà alla scoperta di questa elegante pianta trattando dell’origine del nome e della storia di quest’elegante pianta ed analizzando gli aspetti morfologici, i segreti della sua coltivazione e le possibili associazioni vegetali. 
La professoressa Boasso aiuterà i partecipanti a scegliere e coltivare la tipologia giusta di ortensia tra ben 47 specie e oltre 600 varietà. I lavori della mattinata proseguiranno con la conoscenza dei giardini a tema italiani e francesi. Dopo una pausa con caffè e dolcetti nel locale Liberty Le Jardin Fleuri, sempre in piazza Ruggia, il corso prosegue con una accurata passeggiata al parco delle ortensie fino alle 13, per riconoscere le varie specie dal vivo. Il corso, comprensivo della sosta alla caffetteria, ha un costo di 35 euro.

Il pomeriggio floreale
Dalle 14 sarà possibile acquistare le ortensie: Saskia Pellion di Persano, del Vivaio Anna Peyron, sarà presente nel cortile di Le Jardin Fleuri con varie specie di idrangee e la sua esperienza da condividere con tutti coloro che vorranno porle domande o scegliere, insieme, la tipologia adatta alle proprie esigenze. Per tutta la giornata sarà possibile inoltre visitare il borgo storico, volendo anche con una guida organizzata da Le Vie dei Mestieri, le botteghe degli artigiani e artisti, e l’ortensieto presso il parco della torre.