17 agosto 2017
Aggiornato 05:30
Cronaca

Favria, maxi debito nelle casse comunali: serviranno 109 rate per sanarlo

Per i prossimi nove anni e mezzo, il Comune dovrà pagare una rata al mese. L’obiettivo? Sanare il debito accumulato a causa del fallimento della MGL Gest, l’azienda che gestiva la casa di riposo comunale

Amara sorpresa per il neo sindaco di Favria, a pochi giorni dal suo insediamento (© ANSA)

FAVRIA - Brutta sorpresa per Vittorio Bellone, neo sindaco di Favria capace di guadagnarsi la fascia di primo cittadino nelle scorse elezioni amministrative: nemmeno il tempo di insediarsi, che il sindaco ha dovuto fare i conti con una maxi voragine milionaria di 1,3 milioni di euro. Un buco non da poco, derivante dal fallimento della MGL Gest, l’azienda che gestiva la casa di riposo del Comune.

Come sanare il debito
Una volta fallita la ditta, il Comune si è dovuto accollare tutti gli oneri: 800mila euro sono già stati pagati, ne rimangono 1,3 per colmare il debito di 2,1 milioni di euro. Il piano di rientro c’è già e consiste in 109 rate, una al mese dal gennaio 2018 fino ai prossimi nove anni e mezzo. Duro il commento di Bellone: «Onoreremo i debiti, ma meno male che i farisei hanno deciso di voltare pagina». La frecciatina è rivolta all’ex sindaco Serafino Ferrino, non vi sono dubbi.