23 ottobre 2017
Aggiornato 02:30
Eventi

La Grande Invasione, dall’1 al 4 giugno Ivrea capitale della lettura

Mancano ormai pochissimi giorni al Festival della lettura, un evento culturale imperdibile che per la quinta volta viene ospitato nell’eporediese

La Grande Invasione, festival della lettura a Ivrea (© Karta Ivrea)

IVREA - Inizia il conto alla rovescia per la quinta edizione de La grande invasione, il festival della lettura che dall’1 al 4 giugno torna a Ivrea, curato anche quest'anno da Marco Cassini e Gianmario Pilo, affiancati da Lucia Panzieri per la sezione «Piccola invasione». L’eporediese, per quattro giorni, si trasformerà nella capitale della lettura per un appuntamento culturale davvero imperdibile. La grande invasione è ormai considerato uno dei principali festival letterari italiani, con un pubblico in costante crescita arrivato nel 2016 a 15.000 presenze. .

Vistaterra, la grande novità di quest’anno
La prima importante novità di quest’anno riguarda Vistaterra, il progetto d’impresa turistica etica del Gruppo Manital, che ha scelto di aprire le porte del suo Castello a cinque giornate di eventi dedicati a cultura, musica, letteratura, bellezza ed enogastronomia, per far vivere ai suoi ospiti un’esperienza unica. Il castello di Parella, dopo anni di silenzio e abbandono, riapre sulle splendide colline del Canavese come parte integrante del più ampio progetto di Vistaterra, con una fitta agenda di appuntamenti curati da La grande invasione: dall’inaugurazione del 31 maggio con Neri Marcorè che intervista il founder Graziano Cimadom, alla lettura de L’inseguitore di Cortazar da parte di Vinicio Marchioni accompagnato dal Francesco Cafiso Quartet; dall’esclusivo incontro coi Premi Strega Nicola Lagioia, Ernesto Ferrero e Domenico Starnone, curato da Stefano Petrocchi, al reading poetico del trio Parole Note, per chiudere con il racconto di Madame Butterfly di Luca Scarlini e il DJ Set di Saturnino previsto per la serata di domenica 4 giugno.

Gli appuntamenti del festival
Anche quest’anno Ivrea si riscopre scenario di un calendario fittissimo di eventi che nei quattro giorni del festival vedrà protagonista la lettura in tutte le sue declinazioni e spazierà dalla letteratura intesa nell’accezione più classica del termine alla saggistica, dal racconto al fumetto, dalla musica al teatro, e ancora dall’arte all’architettura. Uno sguardo al programma e alle novità che anche quest’anno sono numerose. La prima è che sarà una «Grande invasione di racconti»: ampio spazio verrà infatti dedicato a uno dei generi letterari più amati, il racconto, che verrà approfondito da sedici autori invitati al Festival. Torna «La nostra carriera di lettori», appuntamento quotidiano in cui autori di successo tracciano un percorso tra le proprie letture, talvolta curiose e insolite. A seguire gli appuntamenti che animano luoghi, negozi, strade, ristoranti di Ivrea invitando cittadini e visitatori a leggere insieme: dai gruppi di lettura condotti dalle blogger di TwoReaders ai laboratori di teatro e sceneggiatura, dai pranzi letterari, aumentati nel numero, agli approfondimenti su temi e personaggi della filosofia greca. Tra le novità di quest’anno una sezione dedicata alla saggistica.

Ospiti stranieri e giovani autori
Molto ricco l’elenco degli ospiti stranieri, con particolare attenzione a grandi autrici: dal Premio Strega Europeo Annie Ernaux che presenta il suo nuovo romanzo Memorie di ragazza, alla scozzese Ali Smith al centro di una bella riscoperta in Italia; oltre a tre esordienti di grande rilievo, la messicana Laia Jufresa e le due statunitensi Alexandra Kleeman e Elisa Albert. Si rinnova la collaborazione con il festival I Boreali che quest’anno propone alla Grande invasione l’interessantissima opera dello scrittore-entomologo svedese Fredrik Sjoberg. Raddoppia anche lo spazio dedicato agli autori esordienti di qualità dell’ultima stagione. Confermati anche gli appuntamenti che abbinano letteratura e teatro, ospitati al Teatro Giacosa che vedono protagonisti grandi nomi della scena italiana. 

Non solo lettura, anche musica
La musica è anche protagonista del concerto del 2 giugno che vedrà esibirsi sul palco di piazza Ottinetti Nada. Il gruppo emergente Gomma sarà allo Zac per il concerto finale del festival (4 giugno). I grandi nomi arrivano al festival anche attraverso l’arte: al centro le straordinarie opere di Lorenzo Mattotti, illustratore e fumettista tra i più importanti in Italia che esporrà per la prima volta Ghirlanda, suo ultimo graphic novel. Ricchissimo il calendario della Piccola invasione di spettacoli, letture e laboratori destinati al pubblico dei bambini (e dei loro genitori): anche quest’anno ben un terzo degli appuntamenti di tutto il festival è dedicato a loro. Fra i tanti nomi Stefano Bordiglioni con Storie, canzoni, filastrocche; Emanuela Bussolati che torna a Ivrea per raccontare il progetto del Museo nomade, un museo di storie mai ferme e Andrea Valente con Big Bang Boh, uno spettacolo per raccontare l’universo.