23 ottobre 2017
Aggiornato 18:30
Banchette

La moglie aggredisce il marito alle spalle, per i medici si è trattato di un raptus

Ha aggredito il marito con il coperchio di una latta di pelati appena aperta colpendolo alla gola dalla parte più affilata e avvicinandosi pericolosamente alla carotide

Moglie aggredisce il marito: potrebbe essere tentato omicidio (© )

BANCHETTE - A quasi dieci giorni di distanza dall’aggressione consumata in casa e che poteva essergli fatale, Giuliano C., originario di Cuorgnè ma residente a Banchette, si sta riprendendo fisicamente. I medici gli hanno dato una ventina di giorni di prognosi per la ferita alla gola che gli ha provocato la moglie Catterina A.S. di quasi 81 anni nella mattinata del 15 maggio. Lei, la donna, è invece in condizioni più gravi al Mauriziano di Torino per complicazioni dovute a emorragie interne e non, come si pensava inizialmente, alle ferite che si è auto inflitta subito dopo aver aggredito il marito.

Cosa è successo quella mattina?
Le indagini dei carabinieri hanno portato alla luce la dinamica dei fatti. La moglie ottantenne, intorno alle 8.30, mentre il marito stava guardando il telegiornale, ha aperto una latta di pelati con cui avrebbe dovuto preparare il pranzo e andando dietro al compagno, ha utilizzato il coperchio affilato per aggredirlo. La parte tagliente si è avvicinata pericolosamente alla carotide. L’uomo è riuscito comunque a raggiungere il letto, a coricarsi e a telefonare al suo medico di base che, appreso quanto accaduto, ha immediatamente avvertito 118 e carabinieri. Quando i militari sono giunti sul posto hanno trovato entrambi i coniugi grondanti di sangue. Nei due giorni successivi hanno svolto due sopralluoghi, in attesa che Giuliano C. si riprendesse quel tanto da poter raccontare cosa è successo quella mattina.

Stupore dei vicini
Per il momento la moglie, che secondo i medici è stata colta da un raptus, rischia l’accusa di lesioni gravi. Almeno fino a quando non sarà fatta la perizia sulle ferite al marito che potrebbe cambiare l’ipotesi di reato in tentato omicidio. In ogni caso rimarrà grande lo stupore dei vicini di casa che negli ultimi giorni hanno continuato a ripetere che mai si sarebbero immaginati una cosa del genere. I coniugi, a detta di chi li vedeva quotidianamente, erano sempre insieme e molto affiatati.